NEWS e COMMENTI


4 promozioni al momento (vincenti girone + miglior seconda)

 

PROMOSSI MARANESE, CJARLINS, CORDENONS, SOVODNJE

1° TRIANGOLARE

 

1ª giornata
CJARLINS-ISONZO 3-1
MARCATORI: pt 18’ Trentin, 23’ Paviz, 40’ Ceccotti; st 37’ Zienna.
CJARLINS MUZANE: Gattisco, Mian (42' st Puntin), Tomba, Pirusel, Garzitto, Zienna, Dindo, Sinigaglia, Paviz (40' st Cristin), Ceccotti, Battistella. All. Belviso.
ISONZO: Paduani, Cosolo, Gismano, Padovan, Pacor, Cian, Baci (7' st Barbana), Gozej, Trentin, Malo (36' st Ferro), Cester (6' st Viezzi). All. Zucco.
ARBITRO: Turco di Udine.


2ª giornata
CORDENONS-ISONZO 2-1
MARCATORI: pt 25' Barbana, st 35' Mazzolo, 38' Cesarin.
CORDENONS: Polotto, Dall'Acqua, Raffin, Orzuolo (st 21' Cordenons), Della Pietra, Capasa, Gallea, Carniello, Scian (st 12' Bertolo), Mazzolo, Bianchet (st 10' Cesarin). All. Moro.
ISONZO: Padoani, Cosolo, Viezzi, Padoan, Pacor, Cian, Cester (st 28' Baci), Gozzey, Trentin, Macor (st 45' Ferro), Barbana (st 35' Malo). All. Zucco.

 

3ª giornata
CORDENONS-CJARLINS 0-2:
MARCATORI Al 23’ Pirusel su rigore; nella ripresa, al 46’ Dindo.
CORDENONS Polotto, Dall’Acqua, Raffin, Cordenons, Amadio, Della Pietra, Gallea (Orciuolo), Mazzolo, Carniello (Scian), Cesarin, Bertolo. Allenatore Moro.
CJARLINS/MUZANE Gattesco, Mian (Zienna), Tomba, Pirusel, Garzitto, Vecchiet, Dindo, Sinigaglia, Paviz (Del Negro), Cecotti, Battistella. Allenatore Belviso.
ARBITRO Giordano di Udine

 

1° TRIANGOLARE

PT

G

V

N

P

GF

GS

DR

CJARLINS/MUZANE

6

2

2

0

0

5

1

4

CORDENONS

3

2

1

0

1

2

3

-1

ISONZO

0

2

0

0

2

2

5

-3

2° TRIANGOLARE

 

1ª giornata
PRO ROMANS-FLAIBANO 2-1: 
MARCATORI: st 8' e 35' Giolo, 30' Chivilò.
PRO ROMANS: Bais, Todescato, Candussi, Degano (Celante), Liut, Lepre, Furlan, Panic, Gambino, Giolo, Perissinitto. All. D'Odorico.
FLAIBANO: Fanutti, De Rosa (Donati), Tomini, A. Picco, Fongione, G. Picco (Chivilò), Rovere, Rebbelato, Gerometta, Brandolisio. All. Bortolussi.
ARBITRO: Deriu di Maniago.

 

2ª giornata
MARANESE-FLAIBANO 2-1
MARCATORI: pt 30’ Goicuria, st 15’ Rebellato, 45’ Del Fabbro.
MARANESE: Della Sala, Giuliano, Bruno, Rumignani, Carducci, Grisi, De Biasio, Viola (st 48' Dal Forno), Pavan, Carbone (st 30' Del Fabbro), Goicuria. All. Della Ricca.
FLAIBANO: Fanutti, Picco G., Picco F., Picco A., Fongione, Tosone, Gerometta, Rebellato, Tisot, Chivilò, Dessì. All. Bortolussi.

 

3ª giornata
MARANESE-PRO ROMANS 5-2
MARCATORI: pt 12' Viola, 46' Goicura, st 13' Goicuria, 16' Giolo, 28' Viola, 30' Grisi, 41' Gambino.
MARANESE: Della Sala, Carducci, Giugliano, Rumignani, Sebastiani, Grisi, Del Fabbro, Bruno, Goicuria (st 31' Cignigotto), Carbone (st 29' Dal Forno), Viola (st 38' Oliviero). All. Della Ricca.
PRO ROMANS: Bais, Cecchin, Candussi, Todescato (st 4' Degano), Liuz, Lepre, Furlan, Panic, Gambino, Giolo, Periscinotto (st 12' Giglio). All. D'Odorico

 

2° TRIANGOLARE

PT

G

V

N

P

GF

GS

DR

MARANESE

6

2

2

0

0

7

3

4

PRO ROMANS

3

2

1

0

1

4

6

-2

FLAIBANO

0

2

0

0

2

2

4

-2

3° TRIANGOLARE

 

1ª giornata
V.RAUSCEDO-PRATA 1-1
MARCATORI st 16’ Basso,  22’ Gardenal
VIVAI Marusca, Truant, Toffolo, Zoia, Bianco, Colussi, Muzzin (Battistella), Bozzetto, Basso (M. Zavagno), A. Zavagno (Murdzoski), Lotto. All. Rosa Gastaldo.
PRATA Mascarin, Battiston, Saccon, M. Santarossa, L. Santarossa, Gaspardo (Paro), Gomiero, Buffa, Scandurra (Camarotto), Del Giorno, Gardenal. All. Squillace.
ARBITRO Pavano di Gorizia

 

2ª giorgnata
SOVODNJE-PRATA 1-1
MARCATORI: st 30’ Portelli, 43’ Santarossa.
SOVODNJE: Burino, Tomsic, Pacor, Colapinto, Trampus, Bregant, Bernardis, Feri, Portelli, Rescic, Delise. All. Sari.
PRATA: Mascarin, Battiston, Saclon, Santarossa M., Santarossa L., Paro, Gomiero (st 32’ Toffolo), Buffa (pt 22’ Camarotto), Gardenal (st 13’ Scandurra), Del Giorno, Gaspardo. All. Grimendelli.
ARBITRO: De Reggi di Udine.

 

3ª giornata
SOVODNJE-V.RAUSCEDO 2-0
MARCATORE: st 6' e 36' Rescic.
SOVODNJE: Burino, Tomsic, Pacor, Colapinto, Trampus, Simone, Bernardis, Feri, Portelli (st 46' Figelj), Rescic (st 40' Skarabot), Bregant (st 19' E. Kogoj). All. Sari.
VIVAI RAUSCEDO: Morson, Truant, Toffolo, Zoia (st 27' Muzzin), Bianco, Colussi, Murazoski, Bozzetto, Basso, A. Zavagno (st 20' D'Andrea), Lotto. All. Rosa Gastaldo.
ARBITRO: Marchetti di Tolmezzo.

 

3° TRIANGOLARE

PT

G

V

N

P

GF

GS

DR

SOVODNJE

4

2

1

1

0

3

1

2

PRATA

2

2

0

2

0

2

2

0

V.RAUSCEDO

1

2

0

1

1

1

3

-2

 

 

 

 


10.05.09

Pro Romans –  flaibano 2 a 1

 


 

 


Superando, al “F.lli Calligaris”, col risultato di 2 a 1 il temibile Flaibano nella prima giornata di gare della fase play-off del campionato di Prima categoria, la formazione della Pro è ora ad passo dalla conquista di un posto utile per poter salire di categoria ed accedere al prossimo campionato di Promozione.
Non sarà certamente facile, visto che domenica 24 maggio bisognerà fare risultato sul campo della temibile Maranese. Pur tuttavia bisognerà gettare in campo ogni residua energia nella speranza di poter coronare questo ambito traguardo, che all'inizio di campionato sembrava davvero impossibile da raggiungere.
Forza giallo-rossi, dunque.

e.c.


03.05.09

san lorenzo – Pro Romans 0 a 1

 

 

Nell'ultima gara del campionato di Prima categoria girone C, la Pro Romans ha espugnato il campo del San Lorenzo, collezionando così la sua sesta vittoria consecutiva, che gli è valsa in terzo posto nella classifica finale, vale a dire che si è guadagnata la fase play-off, con cui può giocarsi fino in fondo l'accesso al campionato di Promozione.

 

 

Fase play-off che già domenica alle 16.30 allo stadio "F.lli Calligaris" vedrà la nostra squadra ospitare la compagnie del Flaibano, che assieme alla Maranese compone il terzetto da cui uscirà la squadra che potrà salire in Promozione. La seconda gara, domenica 17, vedrà di fronte la Maranese contro la perdente della sfida Pro Romans - Flaibano (in caso di parità sarà il Flaibano a recarsi a Marano in quanto giunta quarta nella classifica del suo girone di Prima categoria), mentre la terza ed ultima gara si giocherà ancora sul campo della Maranese. Ora non resta che mettere in campo ogni energia per continuare a vincere e a regalare ai tifosi giallo-rossi, la soddisfazione che emritano.
In bocca al lupo vecchia Pro!!!!!!!!

 

 

 

Edo Calligaris


26.04.09

Pro Romans – Sistiana 5 a 1

 

 

 

La vittoria contro il Sistiana e le concomitanti vittorie delle dirette concorrenti, Ronchi, e Isonzo, non ha cambiato praticamente nulla nella corsa della Pro Romans verso la fase play-off, che rimane tuttora aperta e che si deciderà nell'ultimo turno di campionato. Ultimo turno in cui ci vediamo costretti a vincere sul difficile campo del San Lorenzo. Un pareggio, infatti, potrebbe non bastare alla nostra compagine, in quanto qualora dovessimo giungere a pari punti con l'Isonzo, sarebbe quest'ultima a soffiarci il posto in virtù dei 4 punti raccolti nel nostro doppio confronto.
 


Marcatori: pt 6' Volpi, 8' e 43' Furlan; st 7' Degano, 12' e 14' Gambino.
Pro Romans: Bais, Cecchini, Candussi, Degano, Liut (st 22' Martellos), Lepre, Furlan, Panic (st 17' Visintin), Gambino, Giolo (st 19' Tomat), Todescato. All. D'Odorico
Sistiana: Cappelli, Marchiò, Ulcigrai, Fonda, Zacchigna E., Klaric (st 1' Centini), Maschietto, Milos, Zacchigna S., Bertoli (st 16' Bradas, Volpi (st 24' Conti). All. Sarcina.
Arbitro: Burini di Udine.
Note: ammoniti Bertoli, Ulcigrai e Todescato; angoli 4 a 2 per la Pro Romans

 



Romans Pensando forse ad una gara fin troppo facile contro l'ormai retrocessa Sistiana, la Pro Romans è partita con la testa letteralmente fra le nuvole, tanto che dopo pochi secondi di gioco Bais compita un miracolo deviando d'istinto una conclusione di S. Zacchigna, presentatosi solo davanti a lui. Rispondeva la Pro Romans con una gran punizione rasoterra dalla distanza di Panic, che costringeva Cappelli ad una difficile respinta, mentre al 6' era ancora Zacchigna a bersi tutta la difesa romanese chiamando Bais ad un nuovo difficile intervento, con cui questi deviava la sfera sui piedi del liberissimo Volpi, lesto ad insaccare. Solo a quel punto i locali si destavano dal loro torpore e all'8' Giolo si portava sulla sinistra crossando in centro area per la testa di Furlan, che mandava la sfera nell'angolo alla sinistra di Cappelli. Lo stesso Furlan al 43' portava in vantaggio i romanesi deviando di piede un assist dalla linea di fondo di Giolo, autore di una fuga sulla sinistra. Nella ripresa la Pro Romans portava a tre le reti con Degano, che partiva dalla tre quarti difendendo la sfera fin dentro l'area del Sistiana, infilando poi Cappelli con in preciso diagonale rasoterra. Al 12' la quarta rete giungeva dopo una splendida fuga in avanti di Giolo, che si portava sul fondo mettendo un perfetto assist rasoterra sul secondo palo per l'accorrente Gambino, che ad un niente dalla porta non aveva difficoltà a deviare la sfera in rete. Lo stesso Gambino al 15' fissava il risultato sul 5 a 1 anticipando di testa il portiere avversario su calcio di punizione dalla lunga distanza di Panic.

 



Edo Calligaris


19.04.09
 sovodnje – Pro Romans 0 a 1

 

 

Continua il momento magico della Pro Romans, che domenica scorsa ha inanellato la sua quarta vittoria consecutiva, andando ad espugnare nientemeno che il campo del terribile Sovodnje, che in classifica li precedeva di ben 7 punti. Mattatore della giornata stato Roberto, che ad una prestazione maiuscola fornita al centro della difesa, ha siglato pure la rete vincente mandando di testa la sfera in rete su calcio d'angolo. A questo punto siamo terzi in classifica a due giornate dalla fine del campionato, per cui sembra inutile raccomandare ai nostri atleti di tenere alta la concentrazione e la determinazione in campo per guadagnarsi la fase dei play-off, con cui dare la meritata soddisfazione ai nostri tifosi, provati da due consecutive retrocessioni.

 

Edo




05.04.09
Pro Romans – Costalunga 3 a 2

 


Marcatori: pt 21' Giolo; st 6' Giolo, 8' Bevilacqua I., 10' Bella Donna ( r), 16' Giolo.
Pro Romans: Bais, Cecchin, Candussi, Giglio, Liut, Lepre, Furlan, Panic, Gambino (st 32' Visintin), Giolo (st 18' Degano), Perissinotto. All. D'Odorico.
Costalunga: Bellemo, Scrigner, Babic (st 12' Cergol), Cok, Bevilacqua I., Bella Donna, Di Viccaro, Bevilacqua A. (st 43' Pulitano), Steiner (st 23' Blasco), Ferluga, Micor. All. Giacomin.
Arbitro: Veritti di Tolmezzo
Note: ammoniti Candussi, Cok, Cergol; espulso Candussi al 28' st per doppia ammonizione; angoli 4 a 1 per la Pro Tomans

 



Romans 5 aprile 2009
“In un paio di minuti ci hanno accorciato la vita di un anno” – è stato il commento di un tifoso romanese - ovvero della serie come complicarsi la vita da soli. Per fortuna che Giolo ha festeggiato il suo rientro in squadra siglando una tripletta, altrimenti sarebbe stata davvero una beffa.
Questo per dire che i nostri atleti, autori, fino a quel punto, di una gara perfetta, dopo aver colto il doppio vantaggio all'inizio del secondo tempo, si sono concessi due minuti di autentica follia permettendo al Costalunga di portarsi non solo sul due pari, ma di pensare pure di poter addirittura ribaltare il risultato e portare a casa quella che per loro sarebbe stata una più che incredibile vittoria.
Buon per noi che sul due pari i ragazzi del mister D'Odorico si è rimessa in carreggiata e dopo un po' Giolo ha siglato la sua terza e decisiva rete.
Passando alla cronaca, dopo il fischio d'inizio i nostri si sono proiettati subito in avanti alla ricerca del gol e di una vittoria con cui poter sorpassare in classifica l'appaiata formazione ospite e proiettarsi così in piena zona play-off.
Pro Romans in avanti, dunque, che ha colto il meritato vantaggio al 21' quando Cecchin si involava sulla destra fin sulla linea di fondo, mettendo poi la sfera rasoterra in centro a fil di porta per l'accorrente Giolo, che ben appostato sul palo più lontano sospingeva facilmente di piede la palla in rete.

 

 

Gli ospiti reagivano e al 26' Liut sbrogliava una situazione assai pericolosa in area romanese, togliendo letteralmente dai piedi di Scrigner la sfera nel momento in cui questi si apprestava a battere a colpo sicuro pochi metri davanti a Bais. Al 32' era ancora Bais a uscire a valanga sui piedi di Micor, così come il nostro portiere al 35' bloccava in tuffo una conclusione dalla lunga distanza di Steiner. Nella ripresa Pro Romans nuovamente in rete al 6' dopo una fuga sulla sinistra di Gambino, bravo a rubare palla ad un difensore avversario, che dal fondo metteva in area un invitante rasoterra per Giolo, il quale, ancora sul palo più lontano e due passi dalla porta, fermava la sfera per poi battere senza scampo Bellemo. A quel punto sembrava fatta per i nostri, ed invece due minuti dopo, su corner, la difesa romanese rimaneva imbambolata consentendo a Bevilacqua di deviare di piede in rete senza trovare alcun ostacolo. I nostri accusavano il colpo tanto che un minuto dopo permettevano a Steiner di involarsi tutto solo fin dentro la nsotra area di rigore, dove Liut lo contrastava inducendo il direttore di gara a conceder un calcio di rigore che pochi hanno visto, ma che in ogni caso permetteva a Bella Donna di trovare l'insperato momentaneo pareggio per il Costalunga. Ferita nell'orgoglio la Pro Romans reagiva rabbiosamente e si portava in avanti alla ricerca del gol, che Giolo trovava al 16' quando spalle alla porta, al limite dell'area avversaria catturava la sfera e dopo essersi girato lasciava partire un preciso sinistro con cui mandava la sfera a mezza altezza nell'angolo alla sinistra di Bellemo. A quel punto la gara cambiava nuovamente volto, con gli ospiti proiettati in avanti alla ricerca del pareggio, cercato con insistenza soprattutto dopo l'espulsione di Candussi al 28', cacciato per doppia ammonizione, che lasciava la Pro Romans in dieci uomini, i quali, però, rinsaldavano le proprie fila e, pur con affanno, conducevano in porto una preziosissima vittoria in chiave play-off.

Edo Calligaris



Pro Romans – San Canzian 1 a 0


Marcatore: pt' 5' Liut
Pro Romans: Bais, Cecchin, Lepre, Giglio, Iodice, Liut, Todescato (st 37' Pellizzier), Degano, Perissinotto, Panic (st 32' Celante), Furlan. All. D'Odorico.
San Canzian: Comelli, Cirino, Rampino, Bidut, Esposito, Pozzar, Chirivino, Nunez (st 9' Biondo), Simone, Milton, Perini. All. Grillo.
Arbitro: Salvador di Monfalcone
Note: ammoniti Cecchin, Bidut e Biondo; angoli 7 a 0 per la Pro Romans
 


Romans Dopo un lungo digiuno la Pro Romans è tornata meritatamente alla vittoria al termine di una gara agonisticamente valida, in cui i romanesi hanno dato il meglio di sé nel primo tempo, mentre nella ripresa hanno gestito il vantaggio contro un San Canzian apparso poco pungente in avanti. Nel primo tempo la Pro Romans ha comandato nettamente il gioco trovando il vantaggio al 5' grazie all'ottimo Liut, che ben appostato sul palo più lontano mandava di piede la sfera in rete un calcio d'angolo battuto da Panic e sul quale Comelli si faceva scavalcare dalla palla. Al 15' locali vicino al raddoppio con Furlan, che su perfetto lancio in profondità di Todescato si portava dentro l'area ospite ma si allargava troppo permettendo a Comelli di deviargli in angolo la conclusione. L'ultima occasione del primo tempo per la Pro Romans capitava al 40' sulla testa di Lepre, il quale, però, sottoporta colpiva troppo debolmente mandando la sfera tra le braccia di Comelli. Poco da raccontare nella ripresa, all'infuori della grossa occasione da gol, pur viziata da una posizione di fuorigioco, che gli ospiti sprecavano malamente al 15' con Chirivino, il quale si involava tutto solo fin davanti a Bais, che molto abilmente gli chiudeva lo specchio della porta inducendolo calciare la sfera nell'angolo basso, dove riusciva a bloccarla.


 


Edo Calligaris


Pro Romans – Medea 0 a 0

Pro Romans: Bais, Cecchin, Candussi, Giglio (st 25' Gambino), Visintin, Iodice (pt 39' Degano), Todescato, Panic, Perissinotto, Pellizzier (st 15' Celante), Furlan. All. D'Odorico
Medea: Politti, Baresi, Prevedini, Sgubin, Tassin (st 46' Ulian), Chiabai, Pavan, Pecorari, Chiappo, Durì (st 30' De Rio), Ghermi. All. Leban.
Arbitro: Maieron di Tolmezzo.
Note: ammoniti Visintin, Todescato, Degano, Panic, Prevedini e Baresi; angoli 4 a 3 per il Medea.



Romans Ancora una volta la Pro Romans ha mostrato di non saper osare più di tanto nel cercare la vittoria, adattandosi come sempre al gioco degli avversari con manovre perlopiù laterali, con tocchi brevi, corti, imprecisi e spesso all'indietro, noiosi e prevedibili, senza mai pungere in avanti, senza mai tentare alcuna sortita in profondità e senza che nessuno sia capace di proporsi sulle fasce laterali a supporto della punte, rimaste sempre isolate e abbandonate al loro destino. Un gioco totalmente improduttivo, quello mostrato dalla Pro Romans contro il Medea, determinato da una manovra senza sbocchi, con un centrocampo poco grintoso e per nulla propositivo, affidato al solo Panic, che non riesce ad andare al tiro se non da lontanissima distanza. Va da sé, per nostra fortuna e per l'imprecisione del Medea, che la gara non poteva che finire a a reti inviolate, anche sé sono stati gli ospiti a recriminare maggiormente avendo sfiorato più volte la rete, mentre la nostra pericolosità si è manifestata con un'unica conclusione in porta nell'arco di novanta minuti.

 

 

Passando alla cronaca, Medea pericolosa al 27' quando un diagonale verso l'area romanese di Sgubin non trovava la deviazione degli avanti ospiti, mentre al 35' Pecorari, sempre per gli ospiti, mandava la sfera a stamparsi contro la traversa su calcio di calcio di punizione dal limite dell'area. Al 38' sembrava fatta per gli ospiti nel momento in cui sugli sviluppi di una mischia in area romanese, gli avanti medeensi hanno tentato per ben tre volte di battere a rete trovando la doppia ribattuta dei difensori locali prima del decisivo intervento di Bais. Nella ripresa all'8' Medea ancora vicinissima al gol quando Baresi, ad un passo dalla porta, sprecava clamorosamente calciando debolmente la sfera, ad un niente dalla porta, tra i piedi di Bais, bravo comunque a trovarsi lì in quel momento, mentre due minuti più tardi gli ospiti sfioravano nuovamente il vantaggio con Durì, che mancava la deviazione vincente ad un nulla dalla porta mandando la sfera sul fondo. Al 38' l'unica anche se ghiottissima occasione da gol per la Pro Romans con Perissinotto, che di testa, quasi sulla linea di porta, colpiva a colpo sicuro ma Politti, quasi incredulo si trovava la sfera tra le mani.
 


Edo Calligaris


08.03.09

DOMIO – Pro Romans 3-2


C'eravamo illusi. Certamente fin troppo presto, ma c'eravamo veramente illusi e guardavamo la classifica verso l'alto, vittime di quell'entusiasmo che non provavamo da troppo tempo. Forse non dovevamo farlo, forse non dovevamo prestare così presto il fianco all'entusiasmo dei tempi passati, ma si sa, però, che le illusioni e le speranze fluttuano inesorabili e incontenibili nell'animo delle persone in proporzione alle frustrazioni che queste provano o hanno fin lì provato. E noi, tifosi della Pro Romans, di frustrazioni ne abbiamo accumulate davvero in grossa quantità in questi ultimi tre anni. Ed è stato forse per questo che alcune settimane fa, conquistato il secondo posto in classifica, guardavamo verso l'alto, non tanto per sperare di raggiungere e superare l'insuperabile Villesse, quanto per conquistare un posto nei play-off e regalarci in tal modo un'appendice al campionato per poter cullare la speranza che avrebbe accompagnato il nostro sogno di promozione, di certo legittimo, dopo aver patito tre retrocessioni. Tutto questo, però, è durato davvero poco, visto che dopo una serie di risultati anonimi e la sconfitta di domenica 8 marzo in quel di Domio, di cui riferiamo sotto, abbiamo dovuto rigirare la testa di 180 gradi e guardare nuovamente all'indietro, come nelle passate stagioni, pensando nuovamente a conquistare il quartultimo posto che rappresenta la salvezza e il sogno svanito delle scorse stagioni. Ora ci aspettano due gare casalinghe contro Medea e San Canziano, per sapere la verità e verso dove dobbiamo volgere lo sguardo.

Edo

 


01.03.09

Pro Romans – Villesse 0 a 0

 

 


Pro Romans: Bais, Martellos (33' st Gambino), Lepre, Giglio, Iodice, Liut, Furlan, Panic, Perissinotto, Pellizzer (st 29' Celante), Degano (st 20' Visintin). All. D'Odorico.
Villesse: Zanier, Iust, Bon, Marega, Canciani, Faggiani, Udina (st 17' Cabass), Bianco (st 45' Perco), Znicercic, Luxich, Fernandez. All. Corona.
Arbitro: Krecic di Trieste.
Note: ammoniti Lepre, Furlan, Canciani e Bianco; angoli 1 a 0 per il Villesse

 



Romans. Davanti ad un pubblico nuovamente numeroso, è stato giocato con molto impegno, tanta grinta e determinazione da ambo le parti, ma alla fine l'attesissimo derby tra la Pro Romans e la capolista Villesse ha finito per deludere un po' tutti, all'infuori forse dei diretti interessati, vale a dire le due formazioni, che con lo scorrere dei minuti e per motivi diversi, hanno dato sempre più l'impressione di volersi accontentare della divisione della posta, anche in considerazione delle numerose assenze che si contavano sia da una parte che dall'altra. Come a dire che la paura ha avuto il sopravvento sulla temerarietà, quale arma per cercare una vittoria di prestigio che caratterizza ogni derby ed in particolare quello tra Romans e Villesse. Eppure l'inizio di gara sembrava promettere davvero bene, considerando l'avvio davvero scoppiettante del match, in cui già al 3' di gioco la Pro Romans sfiorava il vantaggio nel momento in cui una difettosa uscita di Corona, al quale sfuggiva la sfera, recuperandola poi con una buona dose di fortuna, per poco non metteva Perissinotto nelle condizioni di battere a rete. Rispondeva due minuti più tardi il Villesse, che a sua volta sprecava malamente una ghiotta palla gol con Udina, che a due passi dalla porta romanese raccoglieva la sfera sparacchiandola malamente sopra la traversa.

 

 

Visto le due quasi consecutive e opposte occasioni, il pubblico si attendeva forse una gara piena di emozioni, ed invece quelle due iniziali occasione sono rimaste le uniche della gara. Per il resto del primo tempo, infatti, pur giocato con buona volontà, non è successo praticamente nulla, mentre ancor meno si è visto nella ripresa, almeno sul piano delle occasioni: un tiro di Panic dal limite dell'area, finito fuori di poco per la Pro Romans, un innocuo colpo di testa di Fernadez per gli ospiti, prima del triplice fischio finale. Per la Pro Romans possiamo spendere una parola di merito per la difesa, sempre attenta e puntuale, a centrocampo Panic ha confermato il suo buon tasso tecnico e la sua ottima visione di gioco, mentre l'attacco ha fatto leva sul generoso Furlan e sul combattivo Perissinotto. Per il Villesse un ottimo Fermamdez.
 


Edo Calligaris


22.02.09

 

isonzo - pro romans 2-0


Pro Romans - Ronchi 1 a 1

 


Marcatori: pt 11' Cecchin, 17 Satti (r.)
Pro Romans: Bais, Cecchin, Candussi, Panic, Iodice, Lepre, Todescato, Celante (st 1' Giglio), Furlan, Giolo (st 1' Gambino), Degano. All. D'Odorico.
Ronchi: Pavio, Lepre, Dominutti, Cuzzolin, Furlan, Riondato, Donda (st 27' Pellaschier), Satti, Grusovin, Visintin (st 34' Lancisi), Braida. All. Murra.
Arbitro: Buonavitacola di Gorizia
Note: ammoniti Cecchin e Pellaschier; espulso Furlan (R.) al 45' st; angoli 5 a 2 per la Pro Romans.

 


Romans É stata una gara molto deludente, esauritasi nei primi 17 minuti di gioco, quando le due squadre si sono portate sull'1 pari, dopodiché si è visto solo tanta confusione in campo da ambo le parti. Qualcosa in più ha fatto forse il Ronchi, almeno sul piano delle occasioni, mentre i locali, dopo un buon inizio, culminato col
meritato vantaggio, invece di insistere in avanti alla ricerca del raddoppio, si sono disuniti perdendo ritmo, lucidità e qualità della manovra. Pro Romans che già al 1' di gioco sfiorava il vantaggio con Giolo, che mandava fuori di poco la palla su assist di Furlan. Il vantaggio dei locali giungeva però al 7' quando Panic, su calcio di punizione dalla distanza, indirizzava la sfera verso l'angolo basso della porta ospite, con Pavio che la deviava sul palo per la successiva deviazione vincente di testa del ben appostato Cecchin. Il Ronchi reagiva e all'11 Bais compiva un autentico miracolo alzando sopra la traversa un colpo di testa ravvicinato del liberissimo Satti. Lo stesso numero otto ospite all'11' approfittava della libertà che gli veniva concessa, entrando in area fino a costringere Cecchin a strattonarlo per la maglia, per il conseguente calcio di rigore che lo stesso Satti trasformava. A quel punto le due squadre si sono fermate dando l'impressione di volersi accontentare del pareggio, tanto che nel secondo tempo non si è visto praticamente nulla, all'infuori del secondo miracolo con cui all'8' Bais, sicuramente il migliore in campo, salvava il risultato deviando d'istinto una conclusione ravvicinata del ronchese Donda.
 


Edo Calligaris


08.02.09

 

san giovanni - pro romans 0-0

 


I 50 anni del nostro “Roby” il giallorosso





Con particolare affetto, tanta simpatia e grande riconoscenza, i dirigenti, gli atleti ed i sostenitori tutti della Pro Romans, salutano oggi, 5 febbraio 2009, il traguardo del 50.mo anno di vita tagliato dal nostro Roberto Zonch, una delle più semplici ma popolari e amate figure operanti all'interno del sodalizio giallo-rosso, al quale il popolarissimo “Roby” ha dedicato almeno la metà della sua laboriosa esistenza, adoperandosi in tutti i modi per sostenere e far crescere un ambiente e una società diventati col tempo la sua seconda casa e la sua seconda famiglia. Non passa giorno, infatti, domeniche comprese, che “Roby”, smesso il lavoro di dipendente manutentivo col Comune di Romans, già nel primo pomeriggio si presenti regolarmente sul campo di calcio, vecchio o nuovo per lui non fa differenza, dove vi rimane fino a sera, per aprire i locali, il riscaldamento e le luci, fare da guardiano e magari recuperare i palloni che durante gli allenamenti e le gare finiscono oltre la rete di recinzione, così come lo troviamo pure in veste di occasionale guardialinee d'emergenza, o come in questi giorni lo notiamo presente più che mai nella, palestra per dare il proprio apporto al buon svolgimento del torneo pulcini. Il tutto coltivando sempre qull'inossidabile certezza di far parte pure lui della rosa, come terzo portiere della squadra maggiore, così come coltiva la speranza, che nessuno gli toglierà mai, di poter scendere pure lui un giorno in campo per difendere la porta della sua amata squadra. Ed è giusto che sia così, che lui ci creda fermamente e che tutti lo aiutino a crederci, in ogni momento, senza limiti, considerando che il lungo cammino della Pro Romans può certo considerarsi come la storia di tanti calciatori, bravi e meno bravi, ma ancor più è la storia di tanto attaccamento ai colori, affetto nei confronti di una società, orgoglio di un paese, passione e sentimenti per la palla che rotola da parte di tanti uomini, a volte forti, decisi e capaci, a volte più deboli e indifesi, come il nostro Roberto.
Auguri di cuore magico “Roby”

 


31.01.09

PRO ROMANS – PIERIS 2 A 2


MARCATORI: pt 8' Bregant, 14' Iodice, 15' Del Bianco, 24' Pellizzer.
PRO ROMANS: Bais, Todescato, Candussi, Giglio, Visintin, Iodice, Furlan, Celante (st 25' Martellos”, Perissinotto (st 21' Cecchin), Pellizzer, Degano (st 40' Altran. All. D'Odorico.
PIERIS: Cechet, Lombardo, Visintin, Pelosin, Bregant, Ravalico, Rudan, Farfoglia, Ferletic (st 32' Principe), Del Bianco (st 43' Zanolla), Degrassi. All. Pecorari.
ARBITRO: Archidiacono di Trieste.
NOTE: ammoniti Rudan, Lombardo e Furlan; angoli 3 a 2 per il Pieris.
 



Romans Equo pareggio tra due formazioni che hanno regalato tutto nel primo tempo, emozioni e quattro gol, frutto di due difese alquanto generose, mentre nella ripresa il gioco si è fatto confuso e si è visto davvero poco in campo. Pro Romans subito in avanti ma era il Pieris a trovare il vantaggio all'8' con Bregant, che sottoporta nell'area romanese approfittava di una non respinta di un difensore locale spedendo di piede in rete. La Pro Romans reagiva e al 14', su calcio d'angolo, pareggiava con un colpo di testa di Iodice, che la difesa ospite dimenticava sul palo più lontano. Passava un solo minuto e Del Bianco dal limite dell'area trafiggeva Bais con un bolide che si insaccava sotto la traversa. La Pro Romans non ci stava e dopo un clamoroso errore di Degano al 20', che da metà campo giungeva fin davanti a Chechet per farsi poi soffiare la sfera, siglava il 2 a 2 definitivo con Pellizzier, che al centro dell'area ospite deviava di piede in rete un traversone di Degano, autore di una fuga sulla sinistra. Nella ripresa, come spesso gli accade, la Pro Romans calava di tono e la gara veniva giocata prevalentemente a centrocampo senza offrire emozioni di sorta. L'unica vera occasione da gol capitava comunque sui piedi di Pellizzier al 40' per i locali, quando il numero 10 fuggiva in profondità fin davanti a Cechet, che con bravura gli chiudeva lo specchio della porta neutralizzandogli il tiro. Al 44' era invece il pierissino Farfoglia a mettere in difficoltà Bais su calcio di punizione dalla distanza, costringendolo a deviare in angolo la sfera calciata a fil di palo.

 



Edo Calligaris


Da “Il Piccolo” di Lunedì 26 gennaio 2009

Assenze nel Turriaco. Pro Romans senza pietà

TURRIACO – PRO ROMANS 0 – 1

 


MARCATORE: Perissinotto al 30' st
TURRIACO: Martellani, Fontana, Ellero, Gruden, Malusà, Inzerauto, Braico, Terenzi, Donda, Martinuzzi (st 1' Tognon), Fall. All. Iacovello.
PRO ROMANS: Bais, Todescato Candussi, Panic, Visintin, Iodice, Furlan, Celante, Perissinotto, Giolo (st 31' Giglio), Degano. All. D'Odorico
ARBITRO: Burini di Udine

TURRIACO. Il Turriaco, falcidiato dalle assenze cede di misura alla Pro Romans, che grazie al gol di Perissinotto supera in classifica proprio Malusà e compagni.
Molte le proteste dei padroni di casa a fine gara per un episodio molto dubbio occorso al95': su punizione di Tognon il portiere ospite sembra raccogliere il pallone oltre la linea di porta. Ne paiono convinti anche gli stessi dirigenti giallo-rossi, ma l'arbitro è di diverso avviso e di fatto non assegna un gol che avrebbe sancito un risultato sicuramente più giusto per quanto visto sul terreno di gioco.

Giorgia Polli


TRIANGOLO BISIACO, CHE GODURIA PER LA PRO ROMANS

 



Prima il Pieris, poi il San Canzian e domenica 25 gennaio pure il Turriaco, matato nientemeno che in casa sua, al “Minin”. Tre blasonate formazioni calcistiche, che la Pro Romans ha incontrato in altrettante trasferte, incamerando la bellezza di ben 9 punti, secchi in classifica, il massimo che si poteva raccogliere.
Come a dire che il triangolo bisiaco ha portato decisamente bene alla nostra compagine, che domenica, pur schierando una formazione baby, ha espugnato il difficile campo del Turriaco, grazie ad una rete del bravo e generoso Perissinotto, che questi ha siglato al 31' del secondo tempo, al momento giusto.
Una Pro Romans corsara, dunque, che con questa vittoria ha superato in classifica proprio il Turriaco, con cui era appaiata, guadagnandosi così il secondo posto in graduatoria, seppur in coabitazione con il Ronchi, alle spalle del solitario Villesse, che non vince da diverso tempo ma viene costantemente aiutato dagli inseguitori, incapaci di sfruttare il rallentamento della capolista.
Un secondo posto in classifica che non occupavamo da diversi anni, ovvero dai tempi del compianto e indimenticabile Silvano Lorenzon.
Tornando alla gara di Turriaco, va detto che la Pro Romans non ha rubato certamente nulla, considerando che le due squadre si sono equivalse per l'intera gara, in cui, nel primo tempo, i giallo-rossi di mister D'Odorico hanno sprecato una clamorosa palla gol con Furlan, buona comunque la sua prova, il quale, ad un passo dalla linea di porta, forse tradito da un rimbalzo fasullo della sfera, mandava incredibilmente alto.
Nella ripresa è stato invece il Turriaco a gridare al gol nel momento in cui ha visto la sfera scorrere sulla linea di porta dei romanesi, prima che questa venisse allontanata dai difensori ospiti. La rete della nostra vittoria, come detto, è giunta grazie ad un preciso colpo di testa di Perissinotto, a segno anche il mercoledì precedente nel recupero contro la Gradese, che sottoporta ha saltato più in alto del suo diretto controllore, mandando la sfera nell'angolo basso alla destra dell'estremo difensore locale. Dopo aver subito la rete, il Turriaco, che nella ripresa aveva messo a dura prova la nostra difesa, si è un po' disunito e rassegnato, fino al 95', quando Bais ha respinto la sfera che i locali hanno ritenuto avesse superato la linea di porta. L'arbitro non è stato dello stesso avviso, altrimenti sai che beffa, e così abbiamo portato a casa tre punti che ci lanciano verso l'alta classifica e alla caccia, non si sa mai, della capolista Villesse.
L'impresa appare ardua ma non certo impossibile, considerando che nel calcio si è visto di tutto. L'importante e crederci e lottare fino in fondo, tutti insieme.
Forza Pro Romans.

 



Edo Calligaris


18.01.09

Pro Romans – Primorec 2-0

 

 



Marcatori: pt 11' Giolo; st 25' Furlan
Pro Romans: Bais, Cecchin, Candussi, Panic, Visintin, Lepre, Furlan (st 44' Tomat), Celante, Perissinotto, Giolo, Degano (st 34' Giglio). All. D'Odorico:
Primorec: Trevisan, Sincovich, Ojo, Cadel, Santoro, Leghissa, Di Gregorio, Meola, Boccuccia (pt 23' Manfredaemili), Marinelli (st 6' Mercandel), Milic (st 20' Laghezza). All. Sciarone.
Arbitro: Samaria di Udine
Note: ammoniti Marinelli, Milic, Cadel, Degano; espulso Ojo al 15 st per proteste; angoli 3 a 2 per la Pro Romans
 


Due vittorie di fila per la Pro Romans, addirittura in casa, una dietro l'altra, nel giro di soli sette giorni. Non succedeva da troppo tempo.
Ieri, infatti, i romanesi, al “F.lli Caligaris”, dopo aver battuto una settimana fa il San Lorenzo, si sono imposti pure sul Primorec per 2 a 0, toccando così quota 23 punti in classifica, che vuol dire aver superato indenni lo scoglio quota 22: per chi non lo sapesse, sono i punti che lo scorso anno la Pro Romans di Dorino Furlan aveva collezionato prima di conoscere ben 15 sconfitte consecutive.
E mercoledì 21 si recupera con la Gradese, alle 19.30, sempre al “F.lli Calligaris”, sperando di poter aggiungere ancora qualcosa in graduatoria, il che potrebbe regalare delle sensazioni positive, assenti da troppo tempo nell'animo dei tifosi locali, pochi ormai, ma fedeli.
Una Pro Romans che ieri, come spesso accade, ha giocato bene nel primo tempo concedendosi poi troppe pause nella ripresa, non certamente tutti, ma troppi atleti hanno tirato i remi in barca.
Non vogliano fare i nomi, se non di quelli che hanno mostrato la giusta determinazione e il massimo impegno, come Lepre, Todescato e Candussi in difesa, Furlan e Perissinotto in attacco.
Come a dire che si può dare di più.

Romans. Con una rete per tempo la Pro Romans si è meritatamente aggiudicata la vittoria nei confronti del Primorec, mostratasi formazione grintosa e ben disposta in campo, ma troppo poco incisiva in attacco. Pro Romans che ha trovato il vantaggio all'11' del primo tempo quando Furlan si è involtato sulla destra per poi crossare la sfera in centro area per l'accorrente Giolo, il quale, dopo aver domato di piede la sfera si girava verso la porta e lasciava partire un gran tiro a mezza altezza con cui infilava Trevisan. Gli ospiti rispondevano al 40' con Milic, che sfruttava un errore delle difesa romanese calciando però addosso a Bais in uscita. Nella ripresa la Pro Romans calava di tono ma veniva aiutata dall'espulsione per proteste di Ojo al 15,' che di fatto metteva in crisi la propria squadra. Tant'è che al 25', dopo un rigore chiesto poco prima dai romanesi, capitolava nuovamente ad opera dell'ottimo Furlan, bravo a recuperare la palla su difettoso rinvio della difesa ospite, fulminando poi Trevisan con un preciso diagonale rasoterra.

Edo Calligaris


PRO ROMANS – GRADESE 2-2

MARCATORI: pt 23' Gordini, 32' Panic, 35' Perissinotto; st 38' Marchesan
PRO ROMANS: Bais, Todescato (st 26' Giglio), Candussi, Panic, Visintin, Lepre, Furlan (st 37' Suerz), Celante (st 20' Iodice), Perissinotto, Giolo, Degano. All. D'Odorico
GRADESE: Savic, Tognon (st 1' Marega), Troian, Scaramuzza, Ulina, Ghirardo, Mariano (st 34' Iussa), Oriti, Stabile (st 25' Marchesan), Gordini, Meneghel. All. Zanutel.
ARBITRO: Chiapolino di Udine
NOTE: ammoniti Candussi, Todescato, Lepre e Giolo (Pro R.); Tognon, Meneghel, Scaramuzza e Ulina (Gr.); angoli 4 a 4
 


Romans. Molto più grintosa e determinata dei padroni di casa, insufficiente la loro prova, la Gradese ha meritatamente strappato un pari sul campo della più quotata Pro Romans, che dal canto suo deve recitare il mea culpa per non aver saputo cogliere la ghiotta occasione per portarsi al secondo posto in classifica. E' stata una gara molto fallosa, forse anche a causa del terreno molto pesante, finita con molti ammoniti sul taccuino della giovane arbitro. Emozioni praticamente zero fino al 23' del primo tempo, quando la furbizia dei gradesi, con la complicità della difesa romanese, ha sorpreso anche l'arbitro battendo a sorpresa un calcio di punizione diversi metri più avanti dal punto prestabilito, trovando così il momentaneo vantaggio: lesto Mariano a toccare dentro l'area romanese per Gordini, che davanti a Bais lo infilava a fil di palo. Pareggio fortunoso della Pro Romans al 32' con Panic, che dalla lunghissima distanza calciava verso la porta gradese trovando un Savic che, forse credendo che la sfera finisse a lato, dava il via libera al gol romanese. Pro Romans in vantaggio tre minuti dopo grazie ad una bella penetrazione in area di Perissinotto, che in diagonale beffava il portiere ospite in uscita. Nella ripresa si è capito subito che la Pro Romans aveva finito la benzina facendosi rinchiudere nella propria area dai grintosi ospiti, che hanno creato molti pericoli alla porta romanese, trovando il giusto 2 a 2 finale al 38' grazie ad una punizione dalla lunga distanza di Marchesan, che trovava Bais impreparato nel momento in cui intercettava la sfera lasciandosela però sfuggire dalle mani.

Edo Calligaris


Anno nuovo e prima vittoria per la Pro Romans, che supera il San Lorenzo


PRO ROMANS - SAN LORENZO 1 a 0


MARCATORE: pt 20' Furlan
PRO ROMANS: Bais, Tomat, Candussi, Giglio (st 1' Todescato), Visintin, Lepre, Furlan, Celante Gambino (st 13 Perissinotto), Giolo, Degano (st 22' Iodice). All. D'Odorico.
SAN LORENZO: Allisi, Buffolin, Tonut A., Ballerino T., Cefarin, Zuanigh, Falzari, Tonut M. (pt 25' Cantarutti), Ferlez (pt 25' Furioso), Cavagna, Germinaro. All. Bertossi.
ARBITRO: Cicchetti di Pordenone.
NOTE: ammoniti Falzari, Zuanigh e Furioso (San, L.); Visintin (Pro R.); angoli 5 a 4 per la Pro Romans.
 



Romans. La Pro Romans ha fatto suo il derby al termine di una gara contrassegnata da parecchi falli e diverse sviste da parte del direttore di gara, che già al 10' sorvolava su un tocco volontario di mano con cui il portiere ospite Allisi, lontano dalla propria area, tentava di evitare l'angolo. Pro Romans che ha giocato meglio degli ospiti nel primo tempo, meritandosi il vantaggio, mentre nella ripresa ha subito la veemente reazione del pur rimaneggiato San Lorenzo, salvandosi più volte grazie a Bais e all'esperienza di capitan Lepre. La prima emozione della gara la regalava Giolo per i locali al 15' con una conclusione rasoterra dentro l'area di rigore che obbligava Allisi a respingere di piede. Pro Romans in vantaggio al 20' quando Giolo sulla linea di fondo si liberava di un difensore ospite crossando poi sottoporta per l'accorrente Furlan, che trovava lo spiraglio giusto per mandare la palla in rete. Al 30' ospiti vicino al pari quando su mischia al centro dell'aera romanese, nonostante un vistoso spintone ai danni di Lepre, un attaccante ospite calciava in porta mandando la sfera di poco a lato. Al 40 era Cavagna a farsi precedere di poco da Bais ij uscita su splendido assist in area di Falzari. La ripresa si apriva con un diagonale di poco sul fondo di Giolo, poi è stato il San Lorenzo a prendere d'assalto la porta romansese, sfiorando il pari al 15' con uno splendido calcio di punizione diretto all'incrocio dei pali ma deviato sopra la traversa da Bais, mentre al 24 era il palo a dire di no agli ospiti, che nei restanti minuti hanno accerchiato i romanesi senza trovata però la via del gol.

 



Edo Calligaris


 

 


PRO ROMANS

 



Per chi ama la Pro Romans e ne condivide costantemente le sorti, non ci sono festività che tengano, compreso il pomeriggio del giorno di San Silvestro, sapendo che c'è sempre qualcosa da fare nel tentativo di favorire l'attività e le prestazioni del sodalizio calcistico giallo-rosso. Lo conferma la foto, che qui proponiamo, scattata il 31 dicembre scorso, in cui si notano tre generosi supporters della Pro Romans, intenti a spargere della sabbia sul terreno di gioco del “F.lli Calligaris”, in modo che alla ripresa del campionato, fissata per domenica 11 gennaio, quando la formazione locale ospiterà il San Lorenzo, il fondo del rettangolo si presenti nelle migliori condizioni, sperando che a trarne beneficio possa essere la compagnie romanese del mister Paolo D'Odorico. Pro Romans che ha vissuto un 2008 davvero tribolato, soprattutto nella sua prima parte, culminata con la retrocessione, dopo quindici sconfitte consecutive, dal campionato di Promozione a quello di Prima categoria, in cui attualmente milita la formazione del presidente Luigino Bolzan. Un 2008 da dimenticare al più presto, quindi, soprattutto per le poche soddisfazioni di cui i tifosi locali hanno potuto godere assistendo alle gare giocate tra le mura amiche, sapendo che nel corso dell'anno passato, la Pro Romans ha collezionato, al “F.lli Calligaris”, solamente otto punti, frutto di due vittorie: in gennaio contro il San Pier d'Isonzo nel campionato di Promozione, a cui si sono aggiunti, nel campionato di Prima categoria, la vittoria contro il San Giovanni Trieste ed i pareggi contro l'Isonzo San Pier ed il Sovodnye, la vigilia del giorno di Natale. E' andata un po meglio giocando in trasferta, alla luce delle tre vittorie, nel campionato di Prima categoria, sui campi del Pieris, San Canzian e Aurisina, a cui si aggiungono i pareggi contro Primorec, Ronchi e Medea.

 

 

(e.c.)




PRO ROMANS - GRADESE RINVIATA




La sfida tra Pro Romans e Gradese, che si doveva giocare domenica 30 novembre, non si è disputata a causa delle pessime condizioni del terreno di gioco romanese, che all’apparenza sembrava decisamente in buono stato ma che, invece, sotto il manto erboso presentava uno strato d’acqua molto uniforme, tale da impedire al pallone di rimbalzare. Tant’è che dopo un primo sopralluogo effettuato sul campo dal direttore di gara signor Martino Cova di Trieste, in cui questi ha constatato che la palla non rimbalzava, gli atleti non si sono nemmeno cambiati attendendo le 14.30, ora in cui avrebbe dovuto iniziare il match e ora in cui l’arbitro, accompagnato dai capitani delle due squadre, ha effettuato un secondo sopralluogo in cui è stato preso atto che nulla era cambiato rispetto al primo esame del fondo di gioco, mandando così tutti a casa. Le due società hanno concordato di recuperare la sfida mercoledì 17 dicembre con inizio alle 19.30. ione dia il suo benestare per recuperare la gara in tale data.

Edo Calligaris
 


23.11.08

 

S.CANZIAN - PRO ROMANS 1-4

 


Nella giornata forse più critica e temuta, visto che la Pro Romans si presentava in campo priva di ben sei titolari, fermi per infortuni, Cecchin, Panic, Todescato e Martellos, e squalifiche, Lepre e Furlan, e con un Giolo un po’ acciaccato e a mezzo servizio, la nostra squadra ha trovato un’inaspettata quanto larga vittoria in trasferta, importante per la classifica ma ancor più per il morale dei ragazzi, che ultimamente, soprattutto dopo la sconfitta interna col Domio, era finito davvero sotto i tacchetti. Evidentemente la terra bisiaca, ed in particolare il territorio comunale di San Canzian d’Isonzo, porta davvero bene alla nostra formazione, considerando i tre punti raccolti nel capoluogo ed i tre conquistati nella frazione di Pieris. Ora, però, bisogna continuare su questa strada evitando di rovinare tutto già domenica 30, quando i nostri dovranno affrontare la Gradese, ospitandola al “Calligars”, che precediamo in classifica. Si tratta di una ghiotta occasione per poter risalire decisamente la graduatoria e portarci in zona più sicura. Per far questo, però, sono necessari impegno e determinazione in campo, che tutti ci auguriamo non manchino contro i mamoli, per riconquistare la fiducia del pubblico di casa. (e.c.)

 

 

 

 


 


16.11.08

 

MEDEA - PRO ROMANS 1-1

 

 

 

 


09.11.08

PRO ROMANS – DOMIO  0  a 1

 

 

MARCATORI: st 15’ Gherbaz

PRO ROMANS: Bais, Tomat, Candussi, Liut, Cecchin (st 12’ Iodice), Lepre, Pellizzier (st 12’ Perissinotto), Furlan, Gambino, Panic, Giolo. All. Furlan.

DOMIO: Pestel, Prisciandaro (st 16’ Milenkovic), Bauci, Bolcic, Azzon, Chierici, Marchersi, Reder, Sinicco (st 35’ Bobbini), Gherbaz (st 41’ Umek), Zigon. All. Lacalamita.

ARBITRO: Della Valle di Udine.

NOTE: ammoniti Panic, Liut, Milenkovic, Marchersi, Gambino, Furlan, Zigon; angoli 5 a 2 per la Pro Romans

 

 

Romans Al Domio è bastato un po’ di ordine in campo, un po’ di fortuna, una giornata di grazia del suo portiere, unita alla scarsa vena degli attaccanti romanesi, e alla fine un calcio piazzato dalla distanza, per avere la meglio su una ancor troppo confusa Pro Romans, generosa ma priva di lucidità e di schemi di gioco, capace, tuttavia, di porre per ben cinque volte i suoi attaccanti davanti al portiere ospite, graziandolo tutte le volte. Prima occasione romanese al 18’ con Giolo, che non riusciva ad intercettare e a deviare in rete, di testa o di piede, un calcio piazzato dalla sinistra di Panic, mentre un minuto dopo lo stesso Giolo, sul filo del fuorigioco, dalla metà campo si involava tutto solo portandosi  fin davanti a Pestel, che gli ribatteva la conclusione. Ed ancora al 40’ Gambino, dentro l’area ospite, apriva sulla destra per Giolo, che a due passi dalla porta calciava in diagonale centrando il palo esterno più vicino. L’ultima occasione del primo tempo per la Pro Romans capitava sui piedi di Furlan al 43’, quando questi, appena dentro l’area ospite, ben servito da Giolo, mandava la palla seppur di poco sopra la traversa. La ripresa iniziava con un’altra discesa solitaria di Giolo al 5’ fin davanti a Pestel, che ancora una volta gli neutralizzava la conclusione. Tre minuti più tardi lo stesso Pestel compiva un doppio miracolo neutralizzando il tiro ravvicinato di Panic in diagonale sottoporta e la successiva ribattuta in porta di Pellizzier. Al 15’, nell’unica puntata in avanti, gli ospiti trovavano il vantaggio grazie ad un calcio piazzato di Gherbaz da circa 25 metri, con la sfera che dopo aver aggirato la barriera romanese finiva in rete. La Pro Romans si gettava generosamente in avanti, ma senza alcun costrutto di rilievo, mentre su rovesciamento di fronte Gherbaz colpiva il palo pieno con un bolide dal limite dell’area con Bais nettamente fuori causa. Al 43’ l’ultima buona occasione per la Pro Romans con Gambino, che davanti a Pestel tentava di battere a rete ma veniva in qualche modo fermato dai difensori ospiti.  

 

 

Edo Calligaris


Nel giro di soli due mesi abbiamo incontrato per ben tre volte il Villesse: in Coppa Regione, Trofeo Calcio Amico e in campionato, e per ben  tre volte siamo stati battuti, nonostante il nostro vantaggio iniziale maturato  in tutti e tre i match. Anche domenica, infatti, in campionato, il gol iniziale dei nostri ci ha fatto sperare che le cose potessero andare diversamente dal solito, ed invece pochi minuti dopo la rete con cui Liut, al 13’ del primo tempo ci ha portati in vantaggio, siamo stati raggiunti e poi superati nel secondo tempo, in contropiede, molto ingenuamente. Passati in svantaggio ci si attendeva la reazione dei nostri, ed invece questa non c’è stata ed un’altra delusione si è aggiunta per i nostri tifosi, nel cammino incrociato coi cugini di Villesse.

 

e.c.

  

 

VILLESSE  - PRO ROMANS 2 a 1

 

MARCATORI: pt 8’ Liut, 13’ Luxich, st 24’ Mbaye.

VILLESSE: Zanier, Bon, Perco, Canciani, Spessot, Faggiani, Bianco, Marega (st 13’ Bernecich), Conzutti (st 47’ Iust), Luxich, Mbaye. All. Corona.

PRO ROMANS: Bais, Tomat, Candussi (st 16’ Iodice), Liut, Cecchin, Lepre, Perissinotto, Panic, Gambino, Giolo, Pellizzier. All. D’Odorico.

ARBITRO: Fedele di Cormòns.

 

 

Villesse Vince giustamente un Villesse cuore e concretezza contro una Pro Romans molto simile a una bella donna priva però di personalità interessante. Il tasso tecnico, infatti, farebbe pesare la bilancia dalla parte della truppa di D’Odorico, che presenta una linea offensiva da dream-team per la categoria: al trio Gambino-Giolo-Perrisinotto, si aggiungono, infatti, i centrocampisti offensivi Panic e Pelelizzier. Giocatori, però, che alla resa dei conti non riescono a creare un gioco armonico e costante.

Così vince un Villesse pratico e ordinato, che si gode alcune individualità importanti in perfetta sintonia con i compagni: significativo come i due gol siano arrivati da due stelle come Mbaye e Luxich con  autentiche prodezze personali. La partita comincia con il gol della Pro: all’8’ Giolo è abile a pescare con un cross preciso  in mezzo all’area Liut, che controlla e segna. La reazione del Villesse nasce dall’asse Mbaye-Luxich: al 13’ l’attaccante di colore scappa sulla destra e scodella un pallone nell’area piccola pere Luxich, che non fallisce l’appuntamento con il gol. Nella ripresa ci vorrà il guizzo del singolo per decidere l’incontro: è Mbaye a fuggire in contropiede alla marcatura dei due centrali ospiti e a involarsi verso Bais, freddato sul secondo palo.

 

 

Matteo Femia


26.10.08

PRO ROMANS – ISONZO 1 a 1

 


MARCATORI: pt 22’ Pacor (r.); st 5’ Giolo
PRO ROMANS: Bais, Tomat, Todescato (pt 43’ Altran), Cecchin, Martellos (st 14’ Iodice), Lepre, Perrissinotto, Pellizzier, Gambino, Giolo, Panic. All. D’Odorico.
ISONZO: Paduani, Bressan, Viezzi, Padovan, Sell (st 1’ Gismano), Pacor, Macor (st 38’ Goglia), Cester, Trentin, Cian, Malo (st 23’ Baci). All. Zucco.
ARBITRO: Borzani di Trieste.
NOTE: ammoniti Cecchin, Tomat, Panic, Iodice, Cester e Padovan; angoli 4 a 4.
 


Romans. Inguardabile nel primo tempo, in cui è finita pure sotto di un gol, la Pro Romans ci ha messo qualcosa in più nella ripresa fino a raggiungere il pareggio, mostrando poi, col passare dei minuti, di accontentarsi del punticino con cui muovere la classifica, mentre l’Isonzo ha mostrato qualcosa in più dei locali, almeno sul piano dell’impegno e della concentrazione. Iniziata la gara al piccolo trotto, la Pro Romans ha fin da subito la pressione dell’Isonzo, che dopo aver sfiorato il gol al 13’ con Malo, che per un niente mancava la deviazione vincente su rasoterra in diagonale di Trentin, trovava il meritato vantaggio al 22’ grazie ad un calcio di rigore trasformato da Pacor e concesso per fallo in area di Martellos ai danni di Trentin. La Pro Romans reagiva debolmente sprecando però il pari con Gambino al 35’, quando questi mancava una facile deviazione di piede su perfetto cross di Giolo, mentre al 38’ era l’Isonzo ha mancare il facile raddoppio con Trentin, che si liberava del diretto avversario portandosi tutto solo davanti a Bais per centrare poi incredibilmente la traversa. Al 45 era invece Perrissinotto a mandare la palla sopra la traversa a pochi centimetri dalla linea della porta ospite. La ripresa vedeva una Pro Romans più determinata e subito proiettata in avanti alla ricerca del pari, che agguantava al 5’ ad opera di Giolo, che dalla sinistra, dopo aver portato a spasso un paio di avversari, si portava al cospetto di Paduani per poi infilarlo con un tiro a mezza altezza. Dopo il pari la Pro Romans pareva intenzionata a cercare la vittoria, ma piano piano si spegneva per mancanza di idee e precisione di gioco.
 


Edo Calligaris


19.10.08

 

Un passo indietro, rispetto alla sfida di sette giorni prima contro il San Giovanni.
Lo ha fatto la Pro Romans, come rendimento e lucidità, nella gara giocata sul campo del Ronchi, dove è apparsa nuovamente confusionaria, soprattutto in difesa, dove ha lasciato ampi spazi agli avversari, che per nostra fortuna hanno sprecato alcune palle gol e colpito pure un palo, mentre anche i nostri hanno sprecato una facile occasione per portarsi per primi in vantaggio.
Comunque sia, visto come si erano messe le cose, possiamo dire che abbiamo guadagnato un punto, in attesa dell’Isonzo, sperando che i nostri possano ritrovare il bel gioco.

E. C.



Questo, invece, è quanto abbiamo letto in merito alla sfida di Ronchi


ANTICIPO PRIMA CATEGORIA "C": IL RONCHI BUTTA VIA DUE PUNTI

Ronchi-Pro Romans 2-2


21° p.t. Satti (R), 14° s.t. Donda (R), 15° e 18° s.t. Perissinotto (PR)
Ronchi: Zearo, Candusso, Dominutti (38° s.t. Lepre), Cuzzolin, Furlan, Medeot, Donda, Satti, Sangiovanni (28° s.t. Longo), Riondato (37° s.t. Visintin D.), Braida. All. Murra
Pro Romans: Bais, Todescato, Candussi, Cecchin, Iodice (10° s.t. Degano), Lepre, Furlan, Pellizzer (35° s.t. Tomat), Gambino (1° s.t. Perissinotto) Giolo Panic. All. D'Odorico
Arbitro: Marini (Trieste)



Il Ronchi come si usa dire fa e disfa nell'anticipo con la Pro Romans. primo tempo alla grande per i ragazzi di Murra che meriterebbero almeno il doppio vantaggio o triplo vantaggio, tante sono le occasioni da rete. Già al 9° minuto "Boro2 Furlan colpisce il legno con una punizione delle sue sfiorata dal portiere, al 21° meritato vantaggio con Satti che schiaccia di testa perentoriamente su corner e manda la sfera alle spalle di Bais: al 24° e al 27° cosa non combina Braida! due limpide occasioni con il numero undici di casa che solo davanti al portiere fallisce clamorosamente in ambedue le situazioni. Gran primo tempo per Riondato, il capitano, e per la punta Sangiovanni che prende il posto nell'occasione nientemeno che di Pellaschiar. Nel Ronchi è assente anche mauro Visintin, ma i sostituti come detto non fanno rimpiangere nessuno.
Nella ripresa al 14° subito il raddoppio per gli amaranto con Donda che sfrutta al meglio una punizione di Riondato e fa centro; ma attenzione...quello che non ti aspetti arriva meno di un minuto dopo quando il neo entrato beffa Zearo nel cuore dell'area e tre minuti dopo di testa raddoppia e porta i conti sul due a due. E buon per il Ronchi, allo sbando in questo frangente, che pochi minuti più tardi Giolo non trovi l'attimo fuggente per colpire ancora (ma la difesa ronchigina dorme forte per almeno un quarto d'ora).
Passata la paura i padroni di casa guadagnano metri in mezzo al campo e cercano di fare loro la partita, ma di occasioni vere e proprie da qui alla fine non se ne vedono. Un due a due che forse accontenta la Pro Romans ma non di certo il Ronchi di Murra.

 

 

 


12.10.08

 


Il lungo tribolato Ramadan al “F.lli Calligaris” si è finalmente interrotto. Si è concluso esattamente verso le 17.25 di domenica scorsa, 12 ottobre, quando il direttore di gara, il signor Mazzocut Zecchin di Pordenone, dopo averci tenuti in ansia per i cinque lunghissimi minuti di recupero, che aveva ritenuto di dover aggiungere al tempo regolamentare della seconda frazione di gioco, ha emesso il triplice fischio finale, che ha consacrato la nostra meritata vittoria, per 3 a 1, nei confronti dell’ambiziosa compagine del San Giovanni Trieste. In quel preciso momento, dopo ben dieci mesi, si è praticamente interrotta la storica astinenza di punti casalinghi che gravava la nostra squadra. Un vero e proprio record negativo il nostro, di cui ci siamo finalmente liberati riassaporando nuovamente il gusto di muovere la classifica alla fine di un incontro casalingo: non succedeva dal lontano 13 gennaio 2008, quando la nostra squadra si impose per 1 a 0 sull’Isonzo, grazie ad una rete di Giolo. Dopodiché, zero punti in assoluto, in casa.
Bisogna doverosamente aggiungere che alla vigilia del match contro il San Giovanni, formazione che viaggiava a punteggio pieno, tutti gli sportivi romanesi avrebbero firmato ad occhi chiusi per la divisione della posta, che avrebbe rappresentato la fine di un incubo ed un risultato di tutto rilievo, considerando il blasone ed il valore reale degli avversari. Ed invece, inaspettatamente, di punti ne abbiamo raccolti ben tre, tutti in una volta, più che meritati. Il ché non guasta di certo, ritenendo che è sempre più gradevole interrompere un digiuno consumando un piatto nobile, invece di dover accontentare il palato con una pietanza povera.

Ma passiamo alla cronaca della gara, riportata sul quotidiano “Il Piccolo” di lunedì 13.


Pro Romans - San Giovanni: Gambino ha appena siglato il 3 a 0 ed anche il nostro portiere Bais è corso a festeggiarlo


PRO ROMANS – SAN GIOVANNI 3 1

MARCATORI: pt’ 8’ Gambino; st 2’ Giolo, 5’ Gambino, 11’ Savic.
PRO ROMANS: Bais, Todescato, Candussi, Cecchin, Liut (st 1’ Iodice), Lepre, Furlan, Pellizzier (st 23’ Tomat), Gambino (st 20’ Perissinotto), Giolo, Panic. All. D’Odorico.
SAN GIOVANNI: Maganja, Varagnolo, Santoro (st 7’ Fonda), Caserta, Starri, Tampieri (st 30’ Scocchi), Antonaci D., Maracchi, Giannella, Savic, Podgornik. All. Pocecco.
ARBITRO: Mazzocut di Pordenone.
NOTE: ammoniti Lepre, Furlan, Bais, Candussi, Varagnolo, Starri; angoli 8 a 6 per il San Giovanni.

Romans d’Isonzo. Una Pro Romans letteralmente trasformata, tonica e determinata, ordinata e rabbiosa al punto giusto, si è meritamente imposta sulla capolista San Giovanni al termine di una gara molto piacevole, veloce e combattuta, in cui i locali hanno chiuso il primo tempo sull’1 a 0 per siglare altre due reti all’inizio della ripresa, resistendo poi al ritorno degli ospiti, pur correndo qualche rischio di troppo, prima di riprendere nuovamente in mano le redini dell’incontro e portare in porto una vittoria casalinga, che mancava ormai dal 13 gennaio scorso (l’ultimo punto casalingo è stato ottenuto contro l’Isonzo San Pier, poi più nulla più fino a ieri). Nel primo tempo è stato il San Giovanni a rendersi per primo pericoloso al 7’ con un velenoso diagonale dalla lunga distanza dell’ottimo Antonaci, che costringeva Bais ad indietreggiare e a rifugiarsi in angolo smanacciando con bravura la sfera sopra la traversa. Un minuto più tardi la Pro Romans si portava in vantaggio in seguito ad un lancio in profondità sulla sinistra di Lepre per Giolo, il quale, portatosi fin quasi sulla linea di fondo, metteva la sfera sottoporta per l’accorrente Gambino, che di piatto sinistro non dava alcun scampo a Maganja. La ripresa si apriva con il raddoppio dei locali al 2’ di gioco con Giolo, il quale, dopo aver raccolto un passaggio in diagonale di Panic, entrava in area ospite, si liberava di un paio di avversari per poi compiere un’autentica magia insaccando con un imprevedibile tocco di esterno sinistro, che lasciava letteralmente di stucco Maganja. Sulle ali dell’entusiasmo i romanesi insistevano nella loro azione in avanti, fintanto che al 5’ Gambino, ricevuta la sfera fuori dall’area ospite, dribblava l’intera difesa rosso-nera infilando per poi infilare Maganja in uscita. Il San Giovanni reagiva rabbiosamente riducendo le distanze all’11 quando Giannella, appostato sul palo più lontano, raccoglieva la sfera di testa mandandola dall’altro lato della porta per l’accorrente Savic, che in spaccata firmava il 3 a 1. Una rete che galvanizzava il San Giovanni e meteva in crisi la difesa romanese, tanto che nei dieci minuti seguenti la formazione di casa si salvava un paio di volte con affanno e anche grazie all’esperienza di Lepre, la cui presenza in campo ha dato sicuramente sicurezza alla squadra. Passata la sfuriata ospite, i romanesi riprendevano in mano il gioco sfiorando la quarta rete con Perissinotto al 38’ e con Giolo al 40’.

Edo Calligaris

 

Pro Romans - San Giovanni: il pubblico presente

 

Sulle orme del grande fratello Gaetano
Dopo 4 anni un’altra doppietta targata Gambino


Domenica scorsa, al termine della vittoriosa sfida di campionato contro la capolista San Giovanni Trieste, che di fatto ha decretato la fine di un lungo digiuno casalingo di punti da parte della nostra squadra, ben dieci mesi, preso atto che il nostro Josep Gambino aveva firmato una doppietta, ci siamo chiesti in che data un altro Gambino, in forza alla Pro Romans, aveva gonfiato per due volte la rete nel corso della stessa gara. Ebbene, è stato il 24 marzo 2004, quando il grande Gaetano, fratello di Josep, aveva siglato la sua doppietta personale nel corso della seconda gara, giocata in casa, contro il Camisano Vicentino Torri e valida per il titolo triveneto di Coppa Italia. Vincemmo per 2 a 0 e guadagnammo lo storico titolo, difficilmente ripetibile. Il magico Gaetano mise allora il turbo nel secondo tempo, rendendosi protagonista di due travolgenti discese vero la porta avversaria, finite con altrettanti gol.
Un giusto ricordo con cui salutare la bella doppietta firmata domenica da Josep.
 


Edo Calligaris

 


Finalmente!

Possiamo ben dirlo!

Dopo quasi undici mesi di digiuno, la nostra formazione è riuscita a ritrovare la vittoria esterna espugnando il campo del Pieris, grazie ad una doppietta di Giolo.

Non succedeva dal 18 novembre 2007: Capriva – Pro Romans 0 a 2, dopodiché ….

Ora nel resta che restituire ai tifosi giallo-rossi romanesi, la gioia della vittoria interna, o almeno del pareggio, che al comunale “F.lli Calligaris” manca dal 13 gennaio 2008, Pro Romans – Isonzo San Pier 1 a 0, dopodiché la nostra formazione ha racimolato solamente sconfitte, tante, una dietro l’altra.

Certo è che domenica non sarà facile raccogliere quello che finora non siamo riusciti a raccogliere in tutto questo arco di tempo sul nostro campo, visto che dovremo ospitare nientemeno che la capolista San Giovanni di trieste, che viaggia a punteggio pieno.

Dalla nostra parte, tuttavia, abbiamo la legge dei numeri, considerando che la vittoria interna si avvicina sempre di più, domenica dopo domenica e chissà che….

 

Auguri Pro Romans

 

 

 Giolo viene festeggiato dai propri compagni dopo aver siglato la rete dell'1 a 0

 

La difesa romanese impegnata nel condurre in porto la preziosa vittoria

 

Questa, invece la cronaca della gara Persi – Pro Romans, riportata lunedì 6 ottobre scorso dal quotidiano “Il Piccolo”.

 

Pieris sconfitto in casa

 

Giolo mattatore della Pro Romans

 

PIERIS – PRO ROMANS 0 a 2

MARCATORI: pt 24’ e 35’ Giolo.

PIERIS: Cechet, Lombardo (st 11’ Rudan), Della Pietra (st 30’ Del bianco), Bregant, Clemente, Ravalico, Terrazzo, Franceschinis, Lucchitta, Degrassi, (st 23’ Buttignoni), Ferletic. All. Peressini.

PRO ROMANS: Bais, Todescato, Candussi, Cecchin, Liut, Lepre, Furlan, Pellizzier (st 25’ Degano), Gambino, Giolo, Panic (st 38’ Tomat). All. D’Odorico.

ARBITRO: Martino di Trieste.

NOTE: ammoniti Ravalico e Felretic.

 

Pieris.  Partita quasi a senso unico quella disputata ieri, con Giolo e la sua Pro Romans mattatori, il Pieris invece si sente piccolo, con la terza sconfitta subita  su tre partite  e l’ultimo posto solitario.

Gara che inizia subito in salita per i granata locali, coi romanesi che spingono e trovano il gol al 25’: lancio lungo dalle retrovie, Della Pietra interviene malamente di testa, spizzicando invece di rinviare la palla, arriva Giolo che entra in area e scarica alle spalle del portiere.  Passano 10 minuti e alla stessa punta ospite da un’abbondante  mano la buona sorte: il numero 10 riceve un traversone da destrac ontrolla bene e calcia, con Clemente che interviene, e con la sua deviazione manda fuori causa Cechet.

Anche per la sua dinamica è la rete che taglia le gambe ai granata, che rispondono solo con qualche tentativo da lontano  sul quale Bais non ha problemi. Nel secondo tempo i locali spingono ma senza lucidità e la Pro Romans sfiora tre volte il gol con una traversa centrata da Giolo, autentico satanasso, poi con un colpo di testa di Gambino deviato da Cechet, ed infine  con un’altra occasione, stavolta enorme, per Gambino, che si presenta da solo davanti a Cechet, ma si fa neutralizzare da questi il tiro, mentre il Pieris è tutto nella zuccata di Terrazzo che sfiora il palo, davvero troppo poco.

 

Enrico Colussi

 

Foto di Enrico Giolo, classe 1987, sua l doppietta con cui la Pro Romans ha vinto a Pieris.
Fortunato sulla seconda segnatura, Giolo no lo è stato altrettanto nel momento in cui ha colpito la traversa, così come non lo è stato nella gara precedente contro il Turriaco, in cui ha colpito un palo e una traversa.


28.09.08

PRO ROMANS – TURRIACO 0 a 2

MARCATORI: pt 37’ Morsolin; st 16’ Battistutta.
PRO ROMANS: Bais, Todescato, Candussi, Cecchin, Iodice, Liut, Furlan, Panic, Gambino (st 9’ Pellizzier), Degano (1’ st Tomat), Giolo. All. D’Odorico.
TURRIACO: Peressin, Gruden (st 25’ Terenzi), Ellero, Morsolin, Malusà, Inzerautto, Novati, Miorin (st 16’ Micheli), Battistutta (st 44’ Braico), Fontana, Fall. All. Iacovello.
ARBITRO: Lazzaroni di Udine
NOTE: ammoniti Morsolin, Ellero, Fontana, Furlan, Cecchin; angoli 3 a 2 per il Turriaco.

 

 



Romans d’Isonzo. Doveva essere la partita della verità, e così è stato. Soltanto che la verità si è rivelata ancora una volta particolarmente amara, sia per la nostra squadra, così come per la nostra società che per tutti i nostri tifosi. Tutti, infatti, speravamo quest’anno di poter finalmente contare su una formazione competitiva, in grado di risollevarci il morale e regalare nuovamente qualche soddisfazione a tutto l’ambiente giallo-rosso, che da molto tempo vive una sorta di infinita frustrazione. E se tanto mi da tanto, dopo due sole giornate di campionato è già allarme rosso in casa della Pro Romans, visto che dopo il pareggio d’esordio ottenuto sul campo del volonteroso ma certamente poco trascendentale Primorec, ieri si è fatta superare addirittura davanti al proprio pubblico da un corsaro Turriaco, al termine di una gara in cui la formazione del mister D’Odorico ha mostrato tutti quanti i suoi attuali limiti, sia sotto l’aspetto organizzativo del gioco, sia come tenuta atletica che come qualità caratteriali della squadra. Una gara in cui il Turriaco, operaio senza grosse pretese, è apparso più ordinato, più lineare e più combattivo dei romanesi, tanto che alla fine si è meritatamente guadagnato la vittoria, senza rubare proprio nulla. Turriaco che si è reso pericoloso già al 3’ minuto di gioco, quando Inzerautto mandava di testa sopra la traversa dopo aver raccolto un bel traversone dalla destra di Fall. La Pro Romans rispondeva al 30’ collezionando l’unica vera occasione da gol del primo tempo, quando Gambino, ben servito dalla destra da Panic, tentava una deviazione con il tacco, mandando però la sfera sul fondo a fil di palo. Turriaco in vantaggio al 37’ grazie ad un colpo di testa vincente di Morsolin, servito sottoporta da Novati. Nella ripresa raddoppio del Turriaco al 16’ con Battistutta, che dentro l’area romanese, ber servito da Fall, si presentava davanti a Bais infilandolo con un tiro a mezz’altezza. La Pro Romans reagiva ed un minuto più tardi coglieva un palo con un tiro in diagonale con Giolo, autore di una fuga sulla destra. Lo stesso Giolo, al 26’ si destreggiava molto bene al limite dell’area avversaria, si liberava degli avversari e dopo essersi portato fin davanti a Peressin calciava in porta cogliendo stavolta la traversa.
Ora non resta che pensare alla gara di domenica 5 ottobre in casa del Pieris, fermo ancora a quota zero punti. Speriamo in un pronto riscatto dei nostri, altrimenti la situazione inizierebbe a diventare già problematica sul piano salvezza. Certo è che per poter migliorare il rendimento della squadra ognuno dovrà mettere in campo qualcosa in più di quello che ha messo finora.



Edo Calligaris


21.09.08

 

PRIMOREC – PRO ROMANS 1 a 1

 


Marcatori: nel pt al 35’ Lanza; nel st al 39’ Liut
PRIMOREC: Loigo, Di Gregorio, Emili, Ojo, Farra, Cadel, Leghezza, (dal 28’ st Krevatin), Leghissa, Palmisano, Sau (dal 34’ st Franceschinis), Lanza (dal 21’ st Mercandel),. All. Macor.
PRO ROMANS: Bais, Todescato, Candussi, Panic, Iodice (1’ st Pellizzer), Liut, Perissinotto (dal 10’ pt Tomat), Furlan, Gambino, Degano, Giolo. All. D’Odorico.
ARBITRO: Cifù di Cervignano.

Trebiciano. Dopo aver girovagato a vuoto per l’altopiano carsico, arbitro compreso, per trovare il terreno di gioco di Trebiciano, località segnalata soltanto all’uscita dell’autostrada, poi nulla più, per rinnovare un disagio che molti tifosi e molte società incontrano nell’affrontare simile trasferta, senza peraltro trovare adeguata risposta o dovuto interessamento da parte degli amministratori locali o da chi per loro, abbiamo assistito ad un esordio non certo entusiasmante da parte della Pro Romans. Una gara in cui abbiamo sprecato molto, potevamo segnare diverse reti ma potevamo pure finire sotto di due gol, trovando poi il meritato pareggio a pochi minuti dalla fine, grazie ad un perfetto colpo di testa su calcio d’angolo ad opera di Liut, che poco dopo ha sfiorato pure la doppietta.

Queste le nostre valutazioni, mentre questa, invece, è la cronaca della gara, riportata lunedì 22 settembre sul quotidiano “Il Piccolo”, a cura di Cristina Puppin.

Finisce in pareggio l’esordio stagionale del Primorec. Contro la Pro Romans i ragazzi di di Macor mettono in archivio un risultato che rispecchia quanto visto sul campo di Trebiciano. L’avvio del Primorec è contratto e solo dopo aver trovato la fluidità a centrocampo si iniziano a vivere i primi sussulti. Per i bianco-rossi resta però il nulla di fatto dopo una serie di tiro sopra la traversa, mentre per gli ospiti la via del gol sembra stregata dopo il tiro di Tomat finito all’incrocio dei pali al 32’ e l’angolo di Giolo poco dopo. Il risultato si sblocca al 35’ quando Lanza si smarca dalla difesa avversaria ed a porta vuota insacca la palla. Seguono altre due azioni per il Primorec, tra cui un palo che Lanza coglie al 44’. Il secondo tempo, dopo un tiro di Legissa al 6’ ed una parata di Loigo al 9’ prosegue senza emozioni fino al 39’ quando Liut emerge dalla mischia ed insacca di testa.